“Bonasera, sò Coppini.
Me presento perché nun me conosce veramente nessuno. Anche se sò trent’anni che canto ste canzoncine.
E se vede che te sei promosso male! – me diceva uno tempo fa – Le canzoni sò carine, demenziali…
Eh no! – faccio io – Come demenziali! Che cominciamo subito co l’etichette?! Guarda che l’òmini passano, ma l’etichette restano! Cioè no, volevo dì esattamente er contrario…
Comunque er demenziale è una moda, un genere, un artificio, mentre io con un pizzico de follia ce sò nato, e se permetti c’è na bella differenza!
Si, vabbè – incalza lui – Ma almeno ce l’hai l’agente?
Come no, io de gente ne conosco tanta…”
Paolo Coppini

Teatro Pantegano ha prodotto nel 2005 “Voi mi direte che sono pazzo”, andato in scena al Teatro Petrolini di Roma.
Paolo Coppini – o più semplicemente Coppini – è stato un cantautore romano la cui opera è rimasta quasi del tutto inedita e sconosciuta al grande pubblico. E’ scomparso nel 2008 all’età di 64 anni.
Romanina blues (2004, 29’), di Stefano Romani è il documentario dedicato a Paolo Coppini.